Addominoplastica

uomo

L’intervento chirurgico dell’addominoplastica agisce sull’addome per restituirgli la forza e la compattezza che lo deve distinguere. Con la rimozione chirurgica del grasso o della cute in eccesso, l’addominoplastica è un’operazione di sicura efficacia, in grado di risolvere rapidamente gli eccessi cutanei causati da rapide perdite di peso o uno stile di vita sedentario. L’addominoplastica è capace di offrire una pronta risposta a questo tipo di problema, agendo anche sul piano di un rinforzo addominale.

Scopri di più
cliniche_nova_genesis-medicina-chirurgia-estetica18-uomo3
  • Durata dell'intervento: 120 min
  • Anestesia: generale
  • Tipo di ricovero: 2 notti
  • Ritorno al sociale: 1 o 2 settimane
  • Esposizione al sole: 1 mese
  • Ritorno attività sportiva: 1 mese

Informazioni Generali

Quando è indicato

Quando si perdono molti chili in poco tempo, la pelle rimane poco elastica e pendente, facendo così perdere all’addome la sua caratteristica forma virile e molto apprezzata. Per questo motivo, l’addominoplastica è consigliata agli uomini con eccessi cutanei sull’addome non eliminabili in altre modalità. Se l’eccesso cutaneo è limitato, è infatti possibile modificare la propria alimentazione o applicarsi in sedute di allenamento fisico che portino alla risoluzione del problema. Nel caso in cui ciò non bastasse, però, il ricorso all’addominoplastica consente di avere risultati rapidi e concreti.

Informazioni intervento

L’intervento chirurgico dell’addominoplastica dura circa un’ora e avviene sotto anestesia totale.

In cosa consiste

L’addominoplastica rimuove il grasso e la cute in eccesso in zona addominale, che rendono l’addome debole e cadente. Se è il muscolo addominale ad essersi indebolito, l’intervento ricostruirà la struttura muscolare attraverso una sutura.

Fasi dell’intervento

L’addominoplastica si divide in tre fasi: in un primo momento verrà rimosso il grasso in eccesso attraverso una liposuzione addominale; successivamente, per mezzo di tre incisioni in zona addominale, verrà asportato l’eccesso cutaneo; infine, la pelle verrà spostata verso il pube e ricucita insieme. Al termine dell’intervento, verranno applicati dei punti di sutura per permettere la cicatrizzazione della ferita. Necessaria è anche l’applicazione di drenaggi per evitare l’accumulo di liquidi sotto la pelle, i quali pregiudicherebbero la buona riuscita dell’intervento.

Le Specifiche

Il paziente dovrà effettuare esami clinici che saranno prescritti dalla visita medica, anche in base alla storia clinica del soggetto. Saranno poi necessari esami del sangue, come in ogni intervento chirurgico, e l’elettrocardiogramma. Si raccomanda di evitare il fumo per le due settimane precedenti e successive all’intervento. Non è inoltre possibile assumere farmaci antiinfiammatori nei giorni precedenti all’intervento.

Il decorso postoperatorio dura due settimane e prevede l’applicazione di drenaggi per evitare l’accumulo di liquidi sotto la pelle. Sono sicuramente da evitare movimenti bruschi che possano riaprire la ferita opportunamente bendata e, durante il periodo di convalescenza, sarà il chirurgo a fornire regole precise che facilitino la guarigione rapida e completa del paziente. Sarà necessario vestire una panciera elastica nelle settimane seguenti all’operazione. L’attività sportiva dovrà essere sospesa per un mese e la zona dovrà essere protetta dalla luce del sole e dal calore.

L’intervento di addominoplastica ha risultati duraturi, che possono però essere annullati dagli stessi fattori (su tutti rapidi dimagrimenti) che hanno reso necessaria l’operazione in un primo momento.

Le domande ai Dottori

Per evitare le cicatrici posso sottopormi alla liposuzione al posto dell'addominoplastica?

La liposuzione elimina il grasso, lasciando però la pelle che ha proprietà retrattili. In caso di importanti variazioni volumetriche o in presenza di cute non tonica, rimarrebbe un eccesso cutaneo sgradevole. In questi casi è quindi da preferirsi L'addominoplastica.

Ci sono dei periodi dell’anno in cui è preferibili effettuare l’intervento di addominoplastica?

Pur non essendoci perdiodi specifici in cui effettuare l'intervento di addominoplastica, è consigliabile e preferibile evitare i mesi estivi sia perchè la sudorazione è un cattivo alleato della cicatrizzazione e sia perchè in seguito all'operazione bisognerà portare indumenti contenitivi.

Posso fare la liposuzione al posto dell'addominoplastica?

I due interventi molto spesso si completano. La liposuzione elimina il grasso ma rimane la pelle.Quindi nei casi di piccole adiposità localizzate e buona elasticità cutanea potrebbe bastare. Nel caso di scarsi accumuli adiposi ma di eccesso cutaneo, causa molto spesso di forti dimagrimenti, si dovrà ricorrere all'addominoplastica. Vi sono però situazione intermedie dove i due interventi permettono di ottenere un risultato migliore, "sgrassando" con la liposuzione, il pannicolo adiposo che poi verrà eliminato dall'addominoplastica e poi rimodellare le aree vicine.

Come sono le cicatrici dell'addomiplastica?

L’intervento di addominoplastica lascia una unica lunga cicatrice da fianco a fianco, questo perchè non c'è altro modo di togliere il tessuto adiposo in eccesso. La cicatrice di norma risulta essere sottile e filiforme e spesso può essere nascosta sotto un mormale slip. La sutura per piani nella fase finale dell'intervento evita cicatrici ipertrofiche. In caso non siate soddisfatti della cicatrice si potrà ricorrere ad un ritocco chirurgico.

L’ addominoplastica prevede molto dolore?

L'intervento di addominoplastica viene eseguita con la tecnica tumescente che produce un lieve dolore controllabile con i più comuni analgesici. In caso di dolore intenso e persistente consiglio di rivolgersi al chirurgo per studiare una terapia analgesica specifica ed escludere eventuali complicanze.

Come si esegue l’intervento di addominoplastica?

L'intervento di addominoplastica viene eseguito in anestesia peridurale con infiltrazione di soluzione tumescente nella zona interessata (soluzione fisiologica + epinefrina) e una sedazione intravenosa. Il chirurgo procede con una incisione lunga da una spina iliaca all’altra e una seconda incisione dagli stessi punti che passa nella regione sovrapubica. Il lembo di cute e grasso contenuto all’interno delle due incisioni viene rimosso ed il lembi successivamente uniti con una sutura per piani. L’ ombelico viene fatto riemergere nella zona naturale. Si posizionano due drenaggi per ridurre il rischio di ematomi o sieromi. C'è la possibilità di tendere i muscoli addominali con suture speciali.

A quale età sottoporsi all’addominoplastica?

Non c'è un'età consigliata per sottoporsi ad un intervento di addominoplastica. Di solito sono donne che hanno alle spalle diverse gravidanze o hanno subito forti dimagrimenti, così come per gli uomini. Il più delle volte parliamo di pazienti che hanno superato i 40 anni di età.

Sono un buon candidato per l’addominoplastica?

Per potersi sottoporre ad un intervento di addominoplastica, il paziente dev'essere in buona salute e l'anamnesi adeguata. Fondamentale la maturità psicologica. Si devono avere aspettative realistiche riguardo al risultato atteso. Bisogna altresì avere molta pazienza nel processo di guarigione che può durare anche diverse settimane. Se il candidato intende perdere peso sarà opportuno aspettare la fine del dimagramento.

Cos’è l’addominoplastica?

L'Addominoplastica è l’intervento di chirurgia estetica che rimuove l'eccesso di adipe dall'addome. Esiste una procedura aggiuntiva che comprende anche il rassodamento dei muscoli addominali.

Contatta Cliniche Nova Genesis

Compila il form per richiedere una visita completamente
Gratuita presso una delle sedi del dottor Alberto Rossi Todde.

Richiedi una visita
gratuita

1.

(L’accettazione è necessaria per procedere. La mancata accettazione rende ineseguibile qualsivoglia attività.)

2.